Famiglia

La famiglia Hesse, a sinistra Hermann

© Suhrkamp Verlag, Berlin

Per raccontare la mia storia devo incominciare dal lontano inizio. Se mi fosse possibile, dovrei risalire molto più addietro, fino ai primissimi anni della mia infanzia, e più oltre ancora nelle lontananze della mia origine." (Trad. di Ervino Pocar) Con queste parole inizia il romanzo Demian di Hermann Hesse. Valgono non solo per il protagonista del suo romanzo, ma anche per lui stesso. L'opera letteraria di Hermann Hesse è pervasa della ricerca della propria identità e dalla confrontazione con essa. Non si può capire questo autore senza conoscere le sue origini e le sue radici familiari, che l'hanno segnato e alle quali ritorna sempre. La missione a Basilea ha uniti i membri svevi (Gundert) e baltici (Hesse) della famiglia a Calw. Il mondo in cui Hermann cresce è limitato e allo stesso tempo aperto: Da un lato la retta severità del pietismo della città natale e della casa paterna, dall'altro lato il cosmopolitismo e l'educazione, la formazione dei genitori e dei nonni. Soprattutto i due nonni, di cui porta i nomi, esercitavano un grande influsso su di lui.