Basilea

Nella vita di Hermann Hesse ci sono due periodi che trascorse a Basilea: L'infanzia dal 1881 al 1886 e il periodo in cui lavorò come libraio dal 1899 al 1904. Il piccolo Hermann si ricordò bene dei pochi anni a Basilea - il padre era stato chiamato in Svizzera per curare il "Missionsmagazin" (la rivista dei missionari): "Heimat war mir Schwaben und Basel am Rheine" ("La patria per me erano la Svevia e Basilea sul Reno") scrisse più tardi. Descrisse con intensità e molta simpatia la sua infanzia basilense - la famiglia abitò nel Müllerweg - nel libro Hermann Lauscher e nel racconto Der Bettler. Ma fu anche una fase di primi gravi conflitti con l'autorità dei genitori. "Il ragazzo ha una vivacità, una forza enorme, una grande volontà e veramente anche una specie di intelligenza straordinaria per i suoi quattro anni. Dove finirà?", scrive la madre nel suo diario il 27 marzo 1882 lamentandosi della sua passionale inquietudine e impazienza. [Stürmen und Drängen] Nel 1886 la famiglia ritorna a Calw. Solo da adulto Hermann Hesse rivede la sua "città preferita". Dopo l'apprendistato a Tubinga va a Basilea nel settembre del 1899 per lavorare come assistente librario. "Non avevo altro desiderio che andare a Basilea", Hesse scrive nelle sue Basler Erinnerungen (Ricordi di Basilea). Prima lavora nella Reich'sche Buchhandlung, poi, dall'aprile 1901 nell'antiquariato Wattenwyl, dove rimane fino alla primavera del 1903. A Basilea cerca e trova un nuovo ambiente che lo ispira e riesce a fare amicizia con delle persone culturalmente attive e colte. Frequenta la casa dello storico e archivista di stato Rudolf Wackernagel e si dedica allo studio delle Belle Arti. La visita al museo di Basilea diventa una affettuosa abitudine. A Basilea Hesse scopre anche la sua passione per i viaggi e per le camminate. Nella primavera del 1921 [1901?] gira per due mesi per l'Italia settentrionale. [Oberitalien] Durante il suo secondo viaggio in Italia è accompagnato dalla fotografa basilense Maria Bernoulli. Si sposano un anno dopo e decidono di trasferirsi in campagna. Trovano un rustico abbandonato a Gaienhofen sul Lago di Costanza. Il 10 agosto 1904 la giovane coppia vi prende alloggio.

 

Infanzia a Basilea 1881-1886