Maulbronn

Il chiostro nel monastero a Maulbronn

Il 15 settembre 1891 Hermann Hesse è assunto come seminarista al Monastero di Maulbronn dopo aver superato a pieni voti l'esame regionale. Il vecchio monastero cistercense, uno dei monasteri più belli e ben conservati in Germania, fondato nel 1147, era diventato nel 1556 una delle scuole conventuali protestanti dopo la riforma scolastica del duca Christoph von Württemberg. Johannes Kepler (1571-1630), il matematico e astronomo, frequentò la scuola negli anni 1586-1589, Friedrich Hölderlin (1770-1843) [manca qualcosa]. Nel 1807 la scuola conventuale diventa un seminario teologico protestante con l'incarico di preparare in anticipo i giovani borsisti allo studio della teologia con l'insegnamento delle lingue antiche. Hesse entra nella Pflanzschule a 14 anni. Come Hans Giebenrath nel racconto Unterm Rad (Sotto la ruota) e Josef Knecht nel Glasperlenspiel (Il giuoco delle perle di vetro) abita nella camera ovvero nella casa "Hellas". La scuola è dura, il tempo libero limitato. Ciònonostante il quattordicenne all'inizio si sente molto bene a Maulbronn, si abitua velocemente alla vita conventuale. Con fervore si dedica allo studio dei classici. Traduce Omero, si occupa della prosa di Schiller e delle odi di Klopstock. "Sono lieto, allegro e contento. C'è un'atmosfera che mi piace molto", scrive in una lettera in data 24 febbraio 1892. Solo pochi giorni dopo, il 7 marzo, Hesse fugge senza una ragione comprensibile. Dopo una notte all'addiaccio sul campo il fuggiasco è catturato da un carabiniere, torna al seminario ed è punito con otto ore di carcere. Nelle settimane successive si manifesta in lui uno stato d'animo depressivo, gli amici si ritirano, il seminarista Hermann è abbandonato e soffre dall'isolamento. A maggio, dopo poco più di sei mesi nel seminario il padre lo viene a prendere per portarlo a casa a Calw. Oltre a Unterm Rad (Sotto la ruota) ricordi di Maulbronn si trovano sotto il nome di "Mariabronn" nel libro Narziß und Goldmund (Narciso e Boccadoro) e con il nome "Waldzell" nel Glasperlenspiel (Giuoco delle perle di vetro).

 

Poesia "Im Maulbronner Kreuzgang"