La sua vita in breve

 

Nacqui verso la fine dei tempi moderni, poco prima che incominciasse il nuovo Medioevo, nel segno del sagittario e sotto il benigno influsso di Giove. La mia nascita avvenne in una delle prime ore della sera di un caldo giorno di luglio, ed è la temperatura di quell'ora che inconsciamente ho amato e cercato per tutta la vita, e, quando mi è mancata, ne ho sentito dolorosamente la privazione. Non ho mai potuto vivere in paesi freddi, e tutti i viaggi che ho intrapreso di mia volontà erano diretti al sud. Sono figlio di genitori pii che ho amato teneramente e che ancor più avrei amato se non mi avessero fatto conoscere per tempo il quarto comandamento. Purtroppo i comandamenti hanno sempre avuto su di me un effetto fatale, per quanto giusti e buoni fossero... io che per natura sono un agnello e facile a guidare come una bolla di sapone, mi sono sempre comportato da ribelle, specialmente durante la mia giovinezza, di fronte a comandamenti di qualsiasi genere. Bastava che udissi un "Devi" per sentirmi rivoltar tutto e rendermi ostinato. Si può immaginare se questa caratteristica ebbe un grande e dannoso influsso sui miei anni di scuola. I nostri maestri infatti in quella divertente materia che chiamavano storia mondiale ci insegnavano bensí che il mondo è sempre stato retto, guidato e trasformato da uomini che si sono dati una legge propria violando quelle tradizionali, e ci dicevano che simili uomini sono degni di venerazione.